LO STILE MINIMAL, “LESS IS MORE”.

 

Lo stile minimal ha preso forma da una corrente nata negli anni Sessanta, l’intento era quello di creare nell’ambiente abitativo un’atmosfera forte e rigorosa, senza nessun fronzolo andando a togliere tutto ciò che fosse superfluo. Al contrario di quello che si può pensare questo stile può risultare molto accogliente e confortevole attraverso l’utilizzo dei giusti materiali come il legno, scegliendone un’unica sfumatura proposta nei diversi ambienti.

Se vivete in città in un appartamento di ridotte dimensioni, con poco tempo a disposizione per le pulizie casalinghe questo stile è decisamente adatto alle vostre esigenze. Lo spazio infatti è l’elemento principale che dovrà essere posto in risalto, uno spazio che permette libertà di movimento, per ottimizzare la funzionalità e la vivibilità di tutte le stanze e che permetta l’ingresso di più luce possibile. Gli elementi che vi inseriremmo all’interno dovranno essere pratici e funzionali, essi saranno gli unici e soli protagonisti dell’arredo, le loro superfici si presenteranno spoglie di tutti gli elementi estetici fini a sé stessi per agevolare la pulizia ed eliminare il disordine.

 

La scelta dei giusti materiali è fondamentale, oltre al legno prevalgono quelli industriali o figli delle nuove tecnologie, grazie alle quali le superfici risulteranno molto più facili da tenere pulite in seguito a speciali trattamenti chimici utilizzati durante a fase di produzione.

L’arredamento dovrà esprimere una sensazione di purezza, linearità e pulizia formale. Le superfici si dovranno presentare prive di alcun tipo di decorazione, di legno lucido laccato, acciaio o alluminio satinato dovranno esprimere un forte senso di uniformità e sopra di esse potranno esservi posti solo accessori ed elettrodomestici estremamente funzionali, meglio se in metallo per donare un tocco hi-tech e per esprimere un forte carattere tecnologico alla vostra abitazione.

Le forme del mobilio dovranno essere nette e definite, caratterizzate da linee spigolose che rimandano ad una geometria pura e regolare, l’ambiente si caratterizzerà così di un rigore estremo e di una semplice eleganza. I colori delle pareti, dei pavimenti e dell’arredo dovranno essere chiari e luminosi, il bianco generalmente domina da padrone in questo stile, verrà poi associato ad un altro colore monocromatico non per forza acceso, da utilizzare negli accessori comprende, cuscini, colonne o travi.

 

Anche gli elementi decoravi dovranno sottostare alle rigide regole di questo stile, sono ammessi quadri e poster abbastanza grandi da impadronirsi di buona parte della parete, senza vetro ne cornici, esposti nella bellezza della loro semplicità. Possiamo inserire anche qualche scultura semplice ed essenziale di stile contemporaneo, meglio se realizzata con materiali innovativi.

 Finora il concetto chiave da seguire è stato quello di togliere piuttosto che riempire, in questo modo gli ambienti appariranno spaziosi, luminosi e aperti, dove l’ingombro degli arredi apparirà minimo. Pochi e ampi mobili dove possiamo rinchiudere tutto ciò che potrebbe generare disordine visivo.

Ponendo l’arredo lungo le pareti, talvolta anche sollevandoli da terra ancorandoli alla e pareti, l’ambiente rispecchierà a pieno questo stile, se i vostri spazi però rispondono alle grandi ampiezze dei loft potrete spostare alcuni elementi verso il centro della stanza.